Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

La Brexit sta picchiando duro

La Gran Bretagna ultima per crescita nel 2018-2019 in Occidente


La Gran Bretagna ultima per crescita nel 2018-2019 in Occidente
19/04/2018, 16:28

LONDRA (GRAN BRETAGNA) - Se le stime di crescita del Pil del Fondo Monetario Internazionale per l'Italia sono incoraggianti, non lo sono per la Gran Bretagna. Infatti, il FMI ha stimato una crescita dell'1,6% nel 2018 e dell'1,5% nel 2019. Numeri ben diversi da quelli del 2016, prima della Brexit, quando si stimava una crescita del 3% all'anno. 

E secondo gli analisti inglesi è proprio la Brexit la causa di questo calo nelle previsioni. Infatti negli ultimi due anni si sono accumulati dati negativi: calo degli investimenti, aumento dell'inflazione e un livello dei consumi che stenta a crescere. E il risultato è che il Pil è calato sempre di più al punto che diversi giornali inglesi hanno cominciato a paragonare l'Inghilterra all'Italia; e non come complimento, dato che l'economia italiana è considerata quella che stenta di più. Ma nel 2019, salvo cambiamenti, persino l'Italia crescerà più dell'Inghilterra. Se a questo si aggiungono le incertezze su ciò che succederà dopo il marzo 2019, quando finiranno i due anni per rendere effettiva la Brexit, si può ben immaginare come mai gli analisti inglesi comincino a manifestare molta preoccupazione per il futuro economico del loro Paese. 

E le notizie su un prossimo aumento di interessi (scelta della Bank of England per tenere a bada l'inflazione) non contribuiscono ad essere ottimisti: dove verranno presi i soldi per pagare i maggiori interessi sul debito pubblico?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©