Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

LA RIDUZIONE DEL TASSO DI SCONTO E' UN FATTO POSITIVO


LA RIDUZIONE DEL TASSO DI SCONTO E' UN FATTO POSITIVO
09/10/2008, 09:10

La BCE riduce il tasso dello 0,50, dal 4,25 al 3,75 e primi segnali positivi si avvertono sull’andamento delle Borse e sul rapporto Euro/Dollaro.

E' positiva, anche se tardiva, la scelta effettuata.

Sulla base della decisione della BCE anche la FED, che aveva un tasso al 2%, ha ridotto all’1,5% e sappiamo che, negli Stati Uniti, il tasso di inflazione è più alto di circa il 30% rispetto all’Italia.

I cittadini chiedono alle banche di abbassare subito il costo del denaro per coloro i quali sono costretti a prendere denari a prestito per ricostituire quel rapporto di fiducia, in assenza del quale non ci sono possibilità né di sviluppo né di miglioramento dell’attuale drammatica situazione economica.

Ulteriori segnali devono venire dalla BCE ma è necessario che Banca d’Italia e Consob vigilano affinché i tassi dei mutui ed i prestiti alle famiglie ed alle imprese si riducano dello stesso importo.

 

Commenta Stampa
di Raffaele Pirozzi
Riproduzione riservata ©