Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

La tassazione delle rendite finanziarie


La tassazione delle rendite finanziarie
15/10/2013, 09:33

Le rendite finanziarie danno origine a due fondamentali tipologie di reddito tassabile.
Si tratta dei redditi di capitale edei redditi finanziari di altro genere.
I redditi di capitale si sostanziano negli interessi, negli utili e neglialtri proventi che scaturisconodall’impiego di un capitale.
I redditi finanziari di altro generesono le plusvalenze e gli altri redditi originati da atti negoziali.
Il regime di tassazione delle rendite finanziarie è cambiato a partire dal primo gennaio 2012.
In precedenza per lo più le rendite erano tassate, a seconda della loro tipologia, con aliquote del 12,50 oppure del 27%.
La riforma ha introdotto per quasi tutti i tipi di investimento finanziario un’aliquota del 20%.
In pratica, se in molti casi l’incidenza della tassazione si è elevata, per diverse altre ipotesi è accaduto il contrario. E’ il caso dei depositi in conto corrente bancario e postale, dei certificati di deposito e dei libretti di risparmio, per il quali l’aliquota è passata dal 27 al 20%.
La nuova normativa ha previsto delle eccezioni importanti.
La ritenuta applicata a titoli di Stato, buoni fruttiferi postali e piano di risparmio resta sottoposta alla vecchia aliquota del 12,50%.
Resta anche l’imposta sostitutiva dell’11% sui redditi derivanti dairisultati di gestione dei fondi pensione italiani. (Fonte: Lepre Group)

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©