Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

L'accertamento con adesione


L'accertamento con adesione
18/10/2013, 16:33

Il modo più diffuso, la via maestra per evitare l’insorgere di una lite tributaria, si chiama accertamento con adesione. L'istituto ricerca fiscale presieduto da Gianni Lepre, precisa che detto istituto, consente di definire in contraddittorio con l’ufficio le maggiori imposte dovute ed evitare così il giudizio.
E’ in pratica un accordo tra contribuente e ufficio e può avvenire sia dopo la ricezione di un avviso di accertamento, sia prima, ad esempio dopo un controllo eseguito dalla Guardia di finanza.
La procedura dell’accertamento con adesione può riguardare tutte le principali imposte dirette o indirettee può essere attivata tanto dal contribuente quanto dall’ufficio dell’Agenzia delle entrate nella cui circoscrizione territoriale il contribuente ha il domicilio fiscale.
All’accertamento per adesione sono ammessi tutti i contribuenti: persone fisiche, società di persone, associazioni professionali, società di capitali, enti, sostituti d’imposta.
L’accertamento con adesione consenteal contribuente di usufruire di una riduzione delle sanzioni amministrative: un terzo del minimo previsto dalla legge.
Nel caso che il fatto accertato concretizzi un reato, l’accertamento con adesione costituisce una circostanza attenuante, purché le somme dovute vengano pagate prima dell’apertura del dibattimento di primo grado. Le sanzioni penali vengono ridotte a un terzo, quelle accessorie non si applicano più. (Fonte: Lepre Group)

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©