Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Lo prevede il Fondo Monetario Internazionale

L’economia italiana continuerà a contrarsi nel 2013


L’economia italiana continuerà a contrarsi nel 2013
16/04/2013, 16:28

WASHINGTON – Secondo il Fondo Monetario Internazionale,  l'economia italiana,  continuerà a contrarsi anche nel 2013. Dopo il -2,4% del 2012, il Pil calerà quest'anno dell'1,5%, per poi tornare a crescere nel 2014 quando registrerà un +0,5%.

Il tasso di disoccupazione salirà al 12,0% nel 2013 (dal 10,6% del 2012) e al 12,4% nel 2013. La stima per il Pil italiano nel 2013 è stata rivista al ribasso, rispetto a gennaio 2013, di 0,4 punti percentuali mentre quella 2014 è rimasta invariata.

Fra i big europei solo la Spagna nel 2013 fa peggio dell'Italia, con un Pil che si contrarrà dell'1,6% per poi crescere dello 0,7% nel 2014. Il tasso di disoccupazione spagnolo si attesterà quest'anno al 27%, per poi calare lievemente nel 2014 al 26,5%. negativo quest'anno anche il Pil delle Francia, che scenderà dello 0,1% con una disoccupazione all'11,2%.

Nel 2014, invece, l'economia francese crescerà dello 0,9% con una disoccupazione all'11,6%. Tiene la Germania: Pil crescerà quest'anno dello 0,6% e accelererà nel 2014 al +1,5%, con un tasso di disoccupazione rispettivamente al 5,7% e 5,6%.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©