Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

LO STATO ANCORA NON HA EROGATO AI COMUNI LE SPETTANZE DI MAGGIO: QUALE FUTURO


LO STATO ANCORA NON HA EROGATO AI COMUNI LE SPETTANZE DI MAGGIO: QUALE FUTURO
14/07/2011, 14:07

NAPOLI - «Il Governo centrale non ha erogato ai Comuni le spettanze di maggio. Passati i primi di luglio, è scattato un ennesimo rinvio ad agosto: questo rende difficile la gestione della macchina comunale, ma soprattutto drammatica la situazione delle imprese che erogano beni e servizi». Questo lo J’accuse di Emilio Alfano, presidente Confapi Campania, contro la nuova tegola che si sta abbattendo sulle imprese. «Inconcepibile che lo Stato venga meno agli impegni assunti e dimentichi che queste risorse servono anche per pagare le imprese – ha continuato Alfano -. Nel Sud la criticità è maggiore: i ritardi nei pagamenti da parte della pubblica amministrazione arrivano anche a sfiorare i tre anni e il 70% del Pil è dato da rapporti con la pubblica amministrazione. Dunque, un numero consistente di imprese lavora esclusivamente con il pubblico e per sostenere le spese, versare le tasse e pagare i lavoratori è costretto a indebitarsi pesantemente e spesso, purtroppo, a chiudere». Da qui, l’aggravio della situazione sociale, Alfano ha concluso: «La chiusura delle imprese comporta un aumento della disoccupazione, già a livelli esageratamente elevati in Campania e un’ennesima riduzione della possibilità di risparmio delle famiglie. Dunque, occorre che il ministro Roberto Maroni intervenga per sbloccare le spettanze ai Comuni ed evitare questa ennesima ingiustizia ai danni dell’economia».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©