Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Lotta all'evasione fiscale, debito per più di 500 miliardi

Lo rende noto ministero Economia a Commissione Finanze

Lotta all'evasione fiscale, debito per più di 500 miliardi
11/07/2013, 11:59

MILANO -  Mancano incassi per più di 500 miliardi di euro e di questa somma ben circa 107 miliardi riguardano soggetti in fallimento. Questo il dato da pelle d’oca che emerge da alcune tabelle consegnate dal ministero dell'Economia alla Commissione Finanze della Camera.  Eppure la lotta all'evasione fiscale è da sempre indicata nei programmi presentati dai politici, perché è da lì che devono essere attinte le risorse di cui l'Italia, sommersa dal debito pubblico, ha enormemente bisogno.

Non tutte le somme ricavate dalla lotta all’evasione possono realmente essere recuperate. Come spiega il vice ministro all'Economia, Luigi Casero, rispondendo in Commissione all'interrogazione

Daniele Capezzone (Pdl) e di Enrico Zanetti, l’Agenzia delle Entrate "con riferimento ai residui attivi al 31 dicembre 2012 inoltrati dalla Ragioneria Generale, ha comunicato una percentuale di abbattimento pari all'82%".

E aggiunge: "Al 31 dicembre 2012, oltre l'80% del carico residuo era riferibile a debitori iscritti a ruolo per importi complessivamente pari o superiori a 500.000 euro: 121.409 soggetti per un carico netto residuo da riscuotere pari a 452 miliardi di euro".

Nel Mef si dice che i ruoli che Equitalia deve riscuotere ammontano a 18,6 miliardi di euro, ma Casero ha spiegato che "a seguito del decorso di un decennio dall'affidamento del carico all'agente di riscossione, il dato del riscosso tende strutturalmente ad attestarsi intorno al 20%, con la conseguenza che anche l'andamento delle riscossioni relative agli anni di più recente affidamento, ancorché sicuramente influenzato dal peggioramento del quadro economico di riferimento, potrà essere valutato nella sua effettività solo allorquando, nei prossimi anni, si sarà ormai consolidato".

Commenta Stampa
di Francesca Galasso
Riproduzione riservata ©