Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

In tutto si perciperanno 550 euro al mese in meno

Manovra: taglio del 10% all'indennità dei parlamentari


Manovra: taglio del 10% all'indennità dei parlamentari
21/07/2010, 17:07

ROMA - I questori di Camera e Senato hanno confermato il taglio del 10% rivolto alle indennità dei parlamentari e previsto dalla manovra economica varata dal governo. In particolare, Deputati e Senatori, vedranno ridursi da 5.486,58 euro a 4.936,58 euro mensili netti le 12 indennità annue previste. Taglio dal 5 al 10% prevsto anche per il restante personale della Camera e del Senato; con relativo congelamento triennale dei meccanismi di adeguamento automatico degli stipendi. In ultimo, per tutti i parlamentari, alzato il limite dell'età pensionabile a 60 anni.
Tagli che, ai più, sono sembrati decisamente simbolici o comunque infinitamente meno schiaccianti e clamorosi di quelli imposti a determinate categorie di lavoratori pubblici e, in senso più generale, agli enti locali come Regioni, Comune e Province. I compensi dei parlamentari italiani, come noto, restano infatti tra i più alti del pianeta e, tra stipendio ed indennità, arrivano comunque a superare i 10.000 euro mensili (netti) anche in tempi in cui il governo chiede sacrifici significativi alla popolazione ed assicura pensioni future sempre più magre (per non dire anoressiche) ai giovani che, dopo decenni di contributi, rischiano di trovarsi con molte probabilità a dover fare affidamento su contributi previdenziali che non arrivano a 1000 euro mensili.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©