Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Il numero uno degli Industriali: Welfare e sud al palo

Marcegaglia accusa: "Imprenditori mai così soli"

L'invito agli impreditori a "rimboccarsi le maniche"

Marcegaglia accusa: 'Imprenditori mai così soli'
10/04/2011, 18:04

La strigliata, ancora una volta, arriva dritta da via dell’Astronomia: Emma Marcegaglia parla di Paese fermo al palo, dove le imprese sono ancora lasciate sole e i piani per il welfare, la ricerca ed il Mezzogiorno stentano a decollare. In un'Europa e in un'Italia afflitte da "tante difficoltà" e che stentano a riprendere la via della crescita, gli imprenditori "mai come adesso si sentono soli". E proprio perché il "momento è straordinario" occorre "mobilitarci" tutti, unire le forze "senza scaricare le colpe sugli altri" per dare al Paese "un messaggio chiaro e preciso delle cose da fare": queste le dure accuse del numero uno degli industriali, in vista dell'Assise 2011 di Confindustria e Piccola industria a Bergamo. Marcegaglia invita poi gli imprenditori a rimboccarsi le maniche, a "far sentire la propria voce" perchè "dall'impresa può e deve venire un esempio per tutti". 

"In un paese che stenta sempre di più a crescere e di fronte a nuove ondate di sconvolgimenti internazionali che mutano le fondamenta di paesi a noi vicini come il Nordafrica e il Medioriente, mai come in questi momenti gli imprenditori si sentono soli", ha detto Marcegaglia in un videomessaggio agli imprenditori sul sito web degli industriali. "L'Europa - ha aggiunto - si divide sul rigore tra pochi paesi forti e molti a rischio, la lotta per la competitività sui mercati mondiali diventa sempre più aspra, con prezzi delle materie prime sempre più instabili". 

"Di fronte a tante difficoltà - ha ribadito Marcegaglia - gli imprenditori si sentono soli". Proprio per questo, ha avvertito, "perché il momento è straordinario abbiamo deciso che occorreva un'iniziativa eccezionale. Abbiamo deciso di convocare a Bergamo l'assise 2011 di Confindustria e Piccola industria. L'assise - ha spiegato - chiama ogni singolo imprenditore e ogni associazione della nostra confederazione a dire la sua e esprimersi direttamente su quelle che considera le vere priorità da porre al centro dell'agenda nazionale e della nostra stessa Confindustria". 

"È un grande momento di mobilitazione - ha sottolineato il numero uno degli industriali nel videomessaggio che richiama gli imprenditori a scelte importanti - è un'iniziativa che si terrà con modalità organizzative studiate apposta per consentire a tutti voi di esprimervi con grande chiarezza e libertà su tutti maggiori impegni, i temi dell'impresa, delle relazioni industriali, della produttività della scuola del , welfare, delle infrastrutture, del fisco, del mezzogiorno, di ricerca e innovazione". 

Marcegaglia ha quindi invitato tutti a partecipare "con forza e determinazione a questa grande occasione di libertà. Mi è sembrato davvero - ha detto - il compimento del nostro centenario e insieme la migliore maniera per festeggiare il 150esimo dell'Unità d'Italia. È davvero una grande occasione per decidere tutti insieme l'Italia che vogliamo".

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©