Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

No a confronto con Landini

Marchionne : “Noi non chiuderemo stabilimenti Fiat”


Marchionne : “Noi non chiuderemo stabilimenti Fiat”
03/02/2013, 12:30

TORINO - Stabilità ed impegno sembrano essere le parole determinanti per l’ad Fiat che ha così rafforzato il suo proposito: “Tutta l'attuale occupazione del gruppo Fiat è confermata. Ho preso l'impegno a portare tutti i lavoratori a casa”, ha dichiarato Sergio Marchionne. I tempi sembrano essere brevi, meno di 4 anni, secondo quanto ha dichiarato Marchionne ad Ezio Mauro.  Ed ha aggiunto : “L'Alfa Romeo non è in vendita e specialmente a loro”, il riferimento era ai tedeschi della Volkswagen. L’amministratore delegato Fiat nel corso di un evento promosso dal quotidiano “La Repubblica” ha risposto alla domanda sui tempi della fusione con Chrysler, che si stabilirà a suo dire entro l’anno 2014.  “ Ci stiamo già lavorando adesso”, ha precisato Marchionne. Per quanto riguardala Fiat ed il mercato cinese : “In Cina abbiamo sbagliato la prima volta che ci siamo andati, più di un decennio fa. E in un ambiente complesso come quello ci vogliono anni per recuperare. Tuttavia, siamo arrivati tardi ma oggi abbiamo una grandissima opportunità posizionando Jeep, ma anche Maserati e Alfa Romeo”.
E sul futuro della Fiat, chiarisce : “ Noi non chiuderemo stabilimenti grazie alla strategia che abbiamo scelto. Il gruppo punta sulla forza internazionale per aiutare la Fiat italiana. Abbiamo messo a disposizione dell'Italia quello che abbiamo nel resto del mondo”. Marchionne, il Presidente Elkann e la famiglia Agnelli : “Sono ormai oltre nove anni che lavoro con gli azionisti, in particolare con John Elkann e con loro non ho mai avuto differenze di opinione. Le scelte sono state condivise e appoggiate dalla famiglia e li ringrazio perché senza la famiglia Agnelli oggi la Fiat non ci sarebbe”.   In riferimento a Landini e alla richiesta di un tavolo di confronto avanzato dal segretario Fiom, Marchionne frena ogni possibilità : “O si fida del management come fanno gli altri sindacati oppure non ha senso. Io parlo con tutti i sindacati, ad eccezione di Landini. Non l'ho deciso io”, ha concluso.

Commenta Stampa
di Rosa Alvino
Riproduzione riservata ©