Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

"Non c'è ancora un miglioramento dell'economia reale"

Mario Draghi: "Graduale ripresa nella seconda metà del 2013"

Il presidente della Bce apprezza lo sforzo dei governi

Mario Draghi: 'Graduale ripresa nella seconda metà del 2013'
18/02/2013, 17:17

BRUXELLES (BELGIO) - "Segni di stabilizzazione" intravede il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi e lo annuncia in un'audizione al Parlamento europeo di Bruxelles. Secondo l'ex governatore di Bankitalia, "il 2013 è iniziato con un quadro più stabile rispetto agli ultimi anni grazie alle riforme dei governi, ma servono sforzi più importanti perché l'Unione europea possa emergere dalla crisi e ricreare fiducia e crescita". Draghi vede uno spiraglio nel tunnel della crisi economica nel corso di questo 2013: "Non c'è ancora un miglioramento dell'economia reale, sebbene ci siano segnali di stabilizzazione. Ci si attende che la debolezza economica venga seguita da una ripresa molto graduale nella seconda metà dell'anno".
Il numero uno della Bce aveva già smentito nei giorni scorsi la presenza, paventata da alcuni economisti, di un conflitto tra monete e svalutazione forzata dai governi. L'osservazione del cambio euro/dollaro, le oscillazioni di altre valute estere avevano preoccupato qualche analista, che aveva dato l'allarme di una preoccupante svalutazione competitiva, soprattutto dello yen in Giappone. Il presidente della Bce ha tranquillizzato il mondo economico sottolineando, poi, che il tasso di cambio dell'euro "non è un obiettivo delle politiche della Bce, ma è importante per la stabilità dei prezzi e per la crescita. Il consolidamento è necessario, sappiamo che ha effetti sulla contrazione economica a breve termine, ma non si deve abolire o attenuarlo. Si possono mitigarne gli effetti, ad esempio costruendo un consolidamento basato meno sull'aumento delle tasse, che nella zona euro sono già molto alte". Secondo le analisi e le previsioni di Mario Draghi, "l'inflazione annuale continua a moderarsi e scenderà sotto il 2% nel breve periodo".

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©