Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Dalla Ue parole rassicuranti sull’Italia

Martedì nero per Piazza Affari, chiusura in rosso

Positivi i listini europei che terminano in rialzo

Martedì nero per Piazza Affari, chiusura in rosso
12/06/2012, 18:06

MILANO – Anche questo martedì Piazza Affari chiude in rosso, mettendo a segno la peggior performance tra le Borse Europee.
Eppure questa mattina, sull'Italia era arrivata la rassicurazione da parte di Fitch: “È improbabile – aveva specificato l'agenzia di rating - che l'Italia abbia bisogno di un salvataggio perché il Paese è in una situazione migliore rispetto alla Spagna - l'Italia ha un deficit di bilancio molto basso, così pure un deficit delle partite correnti e non ha problemi di banche”.
Eppure, pur riuscendo a ridurre le perdite sul finale, Piazza Affari non ha retto ed è stata affossata dai titoli bancari.
Parole rassicuranti sulla situazione italiana, sono arrivate anche dalla Ue. Pur non commentando l'andamento dei mercati finanziari, il portavoce della Commissione Ue, Olivier Bailly, ha detto che Bruxelles rimane fiduciosa nell'attuazione delle riforme da parte delle autorità italiane. Il riferimento è all'aumento degli spread fra i titoli di Stato italiani e quelli tedeschi.
Positivi, invece, i listini europei che dopo una giornata in oscillazione, hanno chiuso in leggero rialzo. Nel pomeriggio proprio per le rinnovate pressioni sui mercati, la Banca centrale europea ha avvertito come il maggiore rischio a carico della stabilità finanziaria dell'area euro è quello di un potenziale aggravamento della crisi sui debiti pubblici dei paesi. Ma non solo: a sentire la Bce l'altra grande fonte di rischio è nelle banche, sia sulla loro redditività che su un eccessivo smobilizzo di attività.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©