Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Mediazione civile: i vertici dell'O.U.A. temono i giovani avvocati e i praticanti


Mediazione civile:  i vertici dell'O.U.A. temono i giovani avvocati e i praticanti
29/03/2011, 10:03

"Sembrerebbe questa la vera paura che attanaglia il Presidente dell'Organismo Unitario dell'Avvocatura. Ospite della trasmissione "UnoMattina" di Rai1, l'avvocato ha lamentato il fatto che a svolgere la mediazione civile non saranno "i grandi avvocati o gli avvocati preparati, ma i praticanti o i giovani che non trovano lavoro", sottolineando subito dopo, preoccupato, che "ce ne saranno tantissimi". Queste parole, oltre a dire che tutti gli avvocati che faranno i mediatori civili sono professionisti tutt'altro che grandi e tutt'altro che preparati, hanno fatto sorgere dei seri dubbi su quelle che sono le sue reali intenzioni. Il Presidente dell'Oua ha a cuore, come ha sempre sostenuto, le sorti della giustizia civile italiana e il bene dei cittadini o, piuttosto, teme che gli avvocati "in erba" riescano sul serio a risolvere le controversie private? La differenza non è da poco: in quest'ultimo caso, infatti, ag! li avvocati più maturi verrebbero sottratte tutte quelle cause sulle quali essi hanno - dati alla mano - il monopolio assoluto.
Quali siano le sue vere intenzioni non è dato saperlo con certezza, anche se i punti di riferimento non mancano. Vero è, per esempio, che l'Organismo Unitario dell'Avvocatura, ostile da sempre alla riforma, da un lato sostiene che la mediazione civile rappresenterebbe per il cittadino un costo aggiuntivo, dall'altro pretende che sia obbligatorio, per lo stesso cittadino, affrontare un altro e ulteriore costo per farsi accompagnare da un avvocato davanti al mediatore civile.
Sempre vero è, inoltre, che i rappresentanti degli avvocati pretendono di parlare a nome di tutti i colleghi, ma la maggior parte dei giovani avvocati si dichiara invece molto interessata alla mediazione civile (e come non potrebbe farlo, visto il sovraffollamento della categoria e i pochi spazi liberi lasciati dagli avvocati più maturi).
Infine, è altrettanto vero che le agitazioni e gli scioperi degli avvocati di questi ultimi mesi quasi mai sono stati voluti dai numerosissimi giovani avvocati italiani, ma sono sempre stati imposti dai vertici della categoria professionale e dai "baroni" del foro.
In conclusione, è dunque molto difficile pensare che i vertici dell'Oua e gli avvocati più maturi abbiano a cuore le sorti della giustizia italiana. Dopo aver gridato allo scandalo sostenendo che la mediazione civile rappresenterebbe una "privatizzazione della giustizia", ora si scopre invece che ciò che più temono è perdere qualcosa che già consideravano di loro esclusiva proprietà. Forse è arrivato il momento che i praticanti e i giovani avvocati italiani inizino a pensare con la loro testa.". Così un comunicato dell'ANPAR.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©