Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

MISE: VERTICE SU ACCORDO DI PROGRAMMA DELLA PROVINCIA DI CASERTA


MISE: VERTICE SU ACCORDO DI PROGRAMMA DELLA PROVINCIA DI CASERTA
06/12/2008, 12:12

       “Siamo entrati in una fase avanzata di attuazione dell’Accordo di programma per la reindustrializzazione in provincia di Caserta”. Così l’assessore provinciale alle Attività produttive, Franco Capobianco, commenta l’esito della riunione del Tavolo di Coordinamento e del Gruppo di Lavoro (previsti dall’intesa firmata ad aprile), svoltasi a Roma nella sede del Ministero dello Sviluppo economico.

       L’incontro è stato l’occasione per ufficializzare la costituzione del consorzio Socratis, che riunisce le aziende coinvolte nell’iniziativa, e per fare il punto sui risultati significativi raggiunti per quanto riguarda la strumentazione di sostegno ai nuovi investimenti, grazie all’impegno operativo della Regione Campania. Numerose aziende infatti hanno già fatto richiesta di partecipazione al bando per il Contratto di Programma regionale. “Abbiamo registrato con soddisfazione – rileva Capobianco – la volontà del Governo di porsi in perfetta continuità con il percorso delineato dall’ex ministro Bersani e ora bisogna andare avanti in una duplice direzione”. Per l’assessore da un lato è necessario dare velocemente risposte all’emergenza occupazionale in atto per alcune realtà produttive: “Penso cioè – spiega – alla necessità di mettere in sicurezza i lavoratori della Ixfin per garantire l’ulteriore proroga della cassa integrazione in deroga per il nuovo anno, e di trovare uno sbocco per la vertenza Finmek”. Contemporaneamente, però, Capobianco rimarca la necessità “di dare impulso a una seconda fase dell’Accordo, attraverso l’ampliamento, previsto dall’Accordo stesso, del numero di aziende interessate a investire in provincia. Confindustria Caserta – ricorda l’assessore – ha già effettuato uno screening di altre realtà imprenditoriali che hanno manifestato il loro interesse a diventare motori dello sviluppo di Terra di Lavoro”.  
 
       “Il nostro compito – aggiunge Capobianco – è quello di farci trovare pronti, innanzitutto mettendo a disposizione aree su cui far ricadere gli investimenti. Lo sblocco della vicenda dell’acquisto dei terreni ex 3M va nella giusta direzione, anche nell’ottica di dare garanzie agli stessi lavoratori dell’ex 3M. Un ruolo fondamentale lo sta rivestendo il Comune di San Marco Evangelista, guidato dal sindaco Gabriele Zitiello, con un autentico cambio di marcia. L’Ente ha infatti consentito di accelerare l’iter di acquisto e a breve si doterà anche dello Sportello Unico per le imprese, col supporto della Provincia”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©