Economia e finanza / Mercati

Commenta Stampa

Ma il governo di Hollande non vi dà peso

Moody's declassa la Francia, che perde la tripla A


Moody's declassa la Francia, che perde la tripla A
20/11/2012, 09:02

PARIGI (FRANCIA) - L'aveva promesso e l'ha mantenuto: l'agenzia di rating Moody's ha declassato la Francia, facendola scendere da AAA ad AA1. La motivazione, contenuta nel report che accompagnava la notizia, è che le riforme applicate sono considerate insufficienti. In sostanza, secondo Moody's, permangono rigidità inaccettabili sul mercato del lavoro e dei servizio; e questo sta facendo perdere competitività all'economia francese. 
La reazione del governo francese si è limitata ad una sostanziale alzata di spalle. Pierre Moscovici, Ministro dell'Economia francese, ha risposto che la Francia ha comunque un buon rating e che le critiche di Moody's sono una conseguenza della gestione del governo Sarkozy, mentre il report riconosce i risultati positivi della Francia nel sistemare i conti pubblici. 
In realtà, se il Pil francese continua a crescere, è proprio a causa delle rigidità del mercato del lavoro, che garantiscono i lavoratori e li portano a spendere i soldi che hanno liberamente. Eliminando quelle, anche tra i ceti medio bassi si diffonderebbe la paura di impoverirsi e quindi quel taglio netto alla spesa interna che sta facendo crollare il Pil di Spagna, Italia e Grecia. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©