Economia e finanza / Mercati

Commenta Stampa

Le previsioni in negativo tra -1,5% e -2,5%

Moody's: l'Italia nel 2012 crescerà meno del previsto


Moody's: l'Italia nel 2012 crescerà meno del previsto
30/08/2012, 10:47

ROMA - Anche l'agenzia di rating Moody's dimostra di non dare fiducia all'Italia. Lo fa con il suo report dove stima che nel 2012 e nel 2013 il Pil italiano scenderà ancora, rispetto alle previsioni. Secondo Moody', si collocherà mezzo punto percentuale più in basso del previsto, tra il -1,5% e il -2,5% (secondo altre fonti, tra cui Confindustria, sarà più vicina a questo secondo dato, ndr). La causa, secondo Moody's va rintracciata nelle tensioni internazionali sulla moneta ed in generale sull'Europa, ma anche sul fatto che l'Italia è uno dei maggiori finanziatori del fondo Salvastati. 
 In realtà questo calo del Pil era stato previsto, dopo il decreto sulla spending review, che ha dato un altro colpo all'economia italiana; ed un ulteriore abbassamento di almeno 0,2% per il 2012 e dello 0,5% per il 2013 è stato previsto nel caso in cui venisse approvato il cosiddetto decreto Balduzzi. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©