Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Napoli convention tra operatori economici australiani e campani


Napoli convention tra operatori economici australiani e campani
07/03/2011, 15:03

Bilancio positivo per il tour in Australia di Città di Partenope e per il progetto Imprese etiche. A breve una missione di imprese

Le associazioni italiane in Australia supporteranno gratuitamente le istituzioni per il Forum delle culture e il rilancio del turismo australiano in Campania

Più di cinquemila persone coinvolte, tre accordi e protocolli d’intesa: sono questi alcuni dei numeri che raccontano il successo della partecipazione di

Città di Partenope (www.cittadipartenope.it) a due importanti eventi della comunità italiana in Australia: un forum dedicato alla città di Napoli a Sidney e

il Carnevale Italiano di Adelaide, la più importante manifestazione del Sistema Italia in Australia, a cui ha partecipato tra gli altri il Premier del Sud Australia Mike Rann e per la Regione Campania l’Assessore all’Emigrazione Severino Nappi.

La missione organizzata dal fondatore di Città di Partenope Claudio Agrelli ha rappresentato anche l’occasione per le comunità degli italo australiani che di offrirsi di supportare gratuitamente la Regione Campania per le attività legate al Forum delle Culture e per il rilancio del turismo australiano in Campania.

Ne corso della missione sono stati stretti numerosi accordi commerciali che porteranno ad una missione di alcune tra le più dinamiche imprese campane.

Ad ottobre poi si svolgerà a Napoli una convention tra operatori economici australiani e campani che vedrà coinvolti i principali player del mondo della moda e dell'agroalimentare.

“Gli accordi chiusi- dichiara Claudio Agrelli- rappresentano un'importante opportunità per le imprese. Una delle ragioni del grande successo della missione è il progetto imprese etiche che abbiamo lanciato in Australia. All'estero hanno una marcia in più le aziende di qualità, attente all’etica e al territorio, che combattono la concorrenza sleale, che appartengono al tessuto sano dell’economia e che si rifanno ai valori del Made in Naples.”

Città di Partenope (www.cittadipartenope.it) è il più grande progetto di responsabilità sociale realizzato una piccola impresa del Mezzogiorno capace di aggregare alcune tre le più dinamiche imprese che vogliono impegnarsi per migliorare Napoli e l’intero Sud.

Città di Partenope è una città virtuale abitata di cittadini reali, con tanto di carta d’identità. È stata fondata a giugno del 2008 per permettere ai napoletani di riconquistare l’identità smarrita a seguito delle emergenze che hanno visto la loro città protagonista negativa dei mass media.

Il progetto lanciato dall’agenzia pubblicitaria Agrelli e Basta negli ultimi due anni e mezzo che ha raccolto interesse in più di 132 paesi del mondo ed ha coinvolto più di quattro mila persone che si sono iscritte all’”anagrafe”di Città di Partenope aderendo alla più grande campagna sul senso civico e rispetto delle regole che sia stata mai lanciata nel Mezzogiorno.

Ed ha riscosso anche un grande riscontro da realtà come Confcommercio Campania e Fondazione Troncone ed aziende Alice, Amarischia, Aquajeans, Chiaja Viaggi, De Filippis Assicurazioni, Dei Mille, Di Gennaro spa, E-Dea, Eudorex, Fastwind, Giannotti, G.R.A., Gruppo Elci Italia, Leonardo Immobiliare, Naturalgel, Ottica Sacco, Protom Group, Tangenziale Napoli spa, Team System, Telecom, Tempor, Tenuta Monacelle, Tim, Round Table,Salvo Improta, STI Società Telecomunicazioni Integrate e Volaviamare.

Città di Partenope è già stata presente al Columbus day di New York e inserita nel programma Italia in Giappone presso l’Università di Tokyo, confermandosi come un fenomeno internazionale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©