Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Napoli, inaugurazione Master in Finanza Avanzata


Napoli, inaugurazione Master in Finanza Avanzata
15/01/2010, 09:01


NAPOLI - Al via la VIII edizione del Master in “Finanza Avanzata: Metodi quantitativi e applicazioni informatiche per la finanza e la gestione del rischio”.
L’inaugurazione avrà luogo lunedì 18 gennaio alle ore 10.30 presso l’Aula Magna dell’I.P.E., Riviera di Chiaia 264, Napoli. Il Master è promosso dall’I.P.E, l’ente morale partenopeo che, oltre a gestire centri culturali e collegi universitari, da anni opera nel campo della formazione post-universitaria promuovendo master e corsi di alta formazione nei settori dell’economia e della finanza ed è organizzato con il sostegno dell’Istituto Banco di Napoli – Fondazione.
Il Master si pone l’obiettivo di formare figure professionali con un elevato grado di specializzazione in metodi quantitativi con conoscenze specifiche dei mercati finanziari, delle tecniche di trading, della gestione di portafoglio e delle operazioni di finanziamento alle imprese.
Il Master ha un percorso formativo di 980 ore, di cui 380 ore di project work. Prevede l’alternanza di lezioni teorico-applicative con seminari e testimonianze dal mondo del management, della finanza e dell’economia.
Le giornate formative di 8 ore si svolgeranno presso la sede I.P.E. di Napoli, Riviera di Chiaia, 264, nel periodo gennaio 2010 - luglio 2010.
I trenta partecipanti al Master, selezionati tra le 153 domande pervenute, provengono dalle Facoltà di Economia, Ingegneria, Giurisprudenza e Scienze Politiche delle varie università italiane, hanno un brillante curriculum universitario e una buona conoscenza della lingua inglese.  
La partecipazione al Master è gratuita grazie ai contributi dei partner. Ai primi 25 allievi che supereranno le prove finali di valutazione sarà erogata una borsa di studio da un minimo di 500,00 euro ad un massimo di 2.000,00 euro. Ulteriori 6 borse di studio saranno concesse agli studenti fuori sede che alloggeranno presso le Residenze dell’I.P.E.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©