Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

E' stato presentato questa mattina

Nasce il comitato in difesa delle microimprese


.

Nasce il comitato in difesa delle microimprese
12/07/2012, 17:07

NAPOLI – Le tasse, la “minaccia” di Equitalia. Le banche che non fanno prestiti. E ancora la crisi dell’economia che ferma il lavoro. Un mix di non poco conto, che ha messo in difficoltà le microimprese. E così Napoli, come poche altre città di Italia, ha deciso di organizzarsi: è nato, infatti, un comitato in difesa delle microimprese. Fortemente voluto dall’imprenditore Giuseppe Graziani, la nuova organizzazione è nata dall’unione dei consorzi Borgo Dante e Decumani, Caracciolo – Mergellina – Partenope, Santa Lucia Chiatamone ed hanno aderito le attività produttive di via Duomo, via Benedetto Croce, Piazza San Domenico Maggiore, via Mezzocannone. Un insieme di oltre mille aziende che, di fronte alle mancate risposte delle istituzioni locali hanno deciso di scrivere al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, al Premier Mario Monti ed al sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. “Ormai il problema nazionale – specifica Graziani – non più solo locale. Abbiamo tentato tutte le strade per farci ascoltare, ma adesso siamo costretti a rappresentarci in maniera autonoma. Abbiamo scritto la lettera per chiedere di riconfermare la dignità delle micro imprese”.
Il neo comitato, presentato questa mattina al caffè Gambrinus, ha subito ottenuto il placet dell’assessore al lavoro, Marco Esposito, convinto che la ricetta per superare il momento di difficoltà è l’unione.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©