Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

La pressione fiscale reale supera il 50%

Nel 2013 gli italiani onesti pagheranno 12 mila euro di tasse


Nel 2013 gli italiani onesti pagheranno 12 mila euro di tasse
07/09/2013, 11:38

MESTRE (VENEZIA) - Al G20 di San Pietroburgo il premier Enrico Letta ha detto, tra le varie dichiarazioni, di voler ridurre il cuneo fiscale nel mondo del lavoro. Ma i dati della Cgia di Mestre indicano che, se vuole ridurre le tasse, non sono certo gli imprenditori che ne hanno bisogno. 
Infatti la Cgia fa presente che nel 2013 la pressione fiscale raggiungerà il 44,2%, un record assoluto. Ma in realtà la vera pressione fiscale è superiore al 50%, data la fortissima evasione (che la Guardia di Finanza stima in oltre 150 miliardi l'anno di imposte non pagate). Come afferma anche il presidente della Cgia, Giuseppe Bortolussi: "Non bisogna poi dimenticare che per i contribuenti onesti la pressione fiscale reale, ovvero al netto dell'economia sommersa, si attesta ormai al 53,6%". Nel 2013, secondo la Cgia, ogni contribuente onesto pagherà in media 11.629 mila euro. 
Per far capire di quanto sia salita la pressione fiscale, viene fatto un confronto con il 1980: si è passati da 63,8 miliardi di entrate fiscai ai 694 miliardi previsti per quest'anno.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©