Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Nessun piano alternativo per paesi zona euro

No di Saccomanni a modifiche testo della legge di stabilità

Privatizzazioni? "Venderemo ciò che va bene"

No di Saccomanni a  modifiche testo della legge di stabilità
22/11/2013, 18:19

ROMA- Deciso e convinto il no del ministro dell'Economia Saccomanni alla domanda sulla possibilità di modifiche del testo della legge di stabilità.

"Quello che rende difficile il mio lavoro è il debito, non le dichiarazioni di Olli Rehn" dichiara Saccomanni durante una riunione straordinaria dell’Eurogruppo sulle leggi di stabilità e aggiunge: "Sono consapevole delle dichiarazioni del presidente dell’Eurogruppo, che ha detto che non ci sono state bocciature"."A nessuno è stato chiesto di presentare un piano alternativo di nessun tipo per i paesi della zona euro, e mi dispiace per il partito della bocciatura" conclude il ministro.

Sulla questione delle privatizzazioni previste dal Governo Saccomanni risponde: " Venderemo solo quello che va bene vendere", andrà presa in considerazione ogni decisione che possa ridurre lo stock anche perchè " una volta sceso il debito pubblico, se le politiche sono virtuose, non sale".

Commenta Stampa
di Flavia Stefanelli
Riproduzione riservata ©