Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Bollette più care: +0,2 per cento e del 2,6 per cento

Nuova stangata su luce e gas: aumenti dal primo luglio

Codacons: Rateizzazione per le famiglie in crisi

Nuova stangata su luce e gas: aumenti dal primo luglio
28/06/2012, 20:06

ROMA – Nuova stangata in arrivo per le famiglie italiane. Non si ferma, infatti, la corsa al rialzo del prezzo di luce e gas e, a partire dal prossimo primo luglio, le bollette saranno ancora più care. Secondo quanto stabilito dall’Autorità per l’energia, la tariffa del gas subirà un rincarò del 2,6 per cento, con un aggravio annuo di spesa di 32 euro, mentre per la luce (dopo l’impennata del trimestre scorso) si avrà un mini incremento, in questo caso estremamente contenuto: dello 0,2 per cento, pari ad appena 1 euro in più all’anno. Rimane pressoché invariata quindi, la spesa per energia elettrica: dal primo maggio la tariffa elettrica di fatto era aumentata già del 4,3 per cento, con una maggiore spesa annua di 21,44 euro.
Interviene subito il Codacons. Sono “aumenti insostenibili per le famiglie italiane - sostiene l’associazione di consumatori -, come dimostrato dal fatto che nel 2011 il consumo interno lordo di energia è sceso a livello del 1999 e negli ultimi due anni, 2010 e 2011, il 10 per cento delle famiglie era in condizioni di morosità nel pagamento dei servizi elettrici e del gas”. Per questo l’associazione “si appella al governo e chiede al ministro dello Sviluppo Economico Passera, analogamente a quanto già avviene con le banche per il pagamento delle rate dei mutui, di introdurre con un decreto la possibilità di sospendere per 12 mesi il pagamento delle bollette per chi si trova in difficoltà, ad esempio perché disoccupato o in cassa integrazione”. “In alternativa -sottolinea il Codacons- andrebbe prevista almeno la rateizzazione dei pagamenti per le famiglie in crisi. Attualmente è già possibile ottenere la rateizzazione, cosa comunque assai diversa dalla sospensione, ma tale possibilità è concessa obbligatoriamente solo nel mercato di maggior tutela e se la bolletta di conguaglio supera del 150 per cento l’addebito medio delle bollette in acconto o se c’è un guasto del contatore”. Il Codacons chiede, quindi, di estendere la possibilità di rateizzare le bollette anche alle famiglie in difficoltà, possibilmente senza interessi di mora.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©