Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

OCSE: IN ITALIA FISCO PESANTE


OCSE: IN ITALIA FISCO PESANTE
15/10/2008, 11:10

Secondo i dati OCSE, l'Italia nel 2007 è passata dal settimo al sesto posto nella classifica dei Paesi con più pressione fiscale, passando dal 42,1% del 2006 al 43,3% del 2007. In questa graduatoria ai primi posti ci sono i Paesi scandinavi, guidati dalla Danimarca con il 48,9%; in fondo al gruppo il Messico, con il 20,5% di pressione fiscale.

Tuttavia è bene ricordare che l'aumento di pressione fiscale nel 2007 si è reso necessario per risistemare i conti pubblici, disastrati dai cinque anni di governo Berlusconi, al fine di evitare le sanzioni previste per la violazione degli accordi del Trattato di Maastricht, che noi violavamo - nella parte in cui stabilisce il rapporto deficit/PIL non superiore al 3% - ininterrottamente dal 2003. Per questo a Bruxelles avevano aperto contro l'Italia un procedimento di infrazione, che rischiava di terminare con una sanzione di parecchi miliardi di euro da pagare. Quindi è stato necessario aumentare la pressione fiscale per ridurre il rapporto deficit/PIL dal 4,4% del dicembre 2006 all'1,9% del dicembre 2007.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©