Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Crescita ferma all'1,1%, il belpaese fanalino di coda

Ocse: nella ripresa economica l'Italia è ultima tra i paesi Ue


Ocse: nella ripresa economica l'Italia è ultima tra i paesi Ue
18/08/2010, 16:08

ROMA - Secondo gli ultimi dati diffusi dagli analisti, Il prodotto interno lordo nell'area Ocse è cresciuto dello 0,7% nel secondo trimestre del 2010. Su base annuale, invece, il Pil presenta un incremento che arriva al 2,8%; con Germania e Regno Unito che si presentano come gli stalloni in grado di tirar via dal pantano della crisi l'area europea.
Riguardo l'ultimo trimestre, il +0,4% realizzato dall'Italia, fa scivolare il belpaese all'ultimo posto tra le potenze europee. Lo stesso accade se si prende in considerazione il periodo annuale; con rispettivamente Germania, Usa (+3,2%), Giappone (+1,9%), Francia (+1,7%), Gran Bretagna (+1,6%) ed infine Italia (+1,1%). Ciò che mantiene lo Stivale nel poco gratificante ultimo posto è la staticità della crescita registrata tra il primo tremestre del 2010 e l'ultimo considerato. Mentre per tutti gli altri paesi, Germania in testa, l'aumento del pil riscontrato va invece da una massimo del 2,2% ad un minimo dello 0,4% della Francia.
Come conferma anche "La Repubblica", nel complesso dei Paesi del G7 il prodotto interno lordo nel secondo trimestre 2010 ha visto un aumento del 2,7% rispetto a aprile-giugno 2009. Piccolo ma significativo arresto, al contempo, per le economie Americana e Giapponese; con lo sprint della Cina che ha superato di recente i cugini nipponici posizionandosi al secondo gradino della scala mondiale. Per gli States si registra difatti una perdita dello 0,3%, mentre, i Giapponesi, no si consolano con una crescita praticamente nulla testimoniada da un poco entusiasmante +0,1% sempre nell'ultimo trimestre considerato.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©