Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Anche la disoccupazione salirà al 12,5%

Ocse, peggiorano le previsioni per l'Italia: Pil a -1,8% nel 2013


Ocse, peggiorano le previsioni per l'Italia: Pil a -1,8% nel 2013
29/05/2013, 11:30

PARIGI (FRANCIA) - Peggiorano le previsioni economiche per l'Italia, secondo l'Ocse. Per il 2013 il calo del Pil previsto per il 2013 è passato dal -1% di novembre al -1,8% di adesso. Ridotte anche le previsioni nel 2014: non più un +0,6%, ma un +0,4%. Anche se il rapporto precisa che i dati potrebbero migliorare se l'Italia saldasse i propri debiti con le società creditrici verso la Pubblica Amministrazione. In questo caso ci potrebbe essere un aumento del Pil dello 0,5% nel 2013 e nel 2014. 
Tuttavia, il deficit dovrebbe rimanere nell'ambito del 3% del Pil, come previsto dai trattati di Maastricht, mentre il debito pubblico volerà al 134% del Pil. In aumento anche la disoccupazione, prevista all'11,9% nel 2013 e 12,5% nel 2014.
Ma le cose si prospettano nere anche per altri Paesi europei: E' prevista una crescita del -4,8% per la Grecia, -2,7% del Portogallo, -2,3% della Slovenia e -1,7% della Spagna.
Per l'Italia l'Ocse consiglia per il futuro ulteriori tagli alla spesa pubblica e riforme pro crescita, senza però riduzioni di tasse, dato che il debito sta crescendo troppo velocemente. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©