Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

OPEC TAGLIA LA PRODUZIONE, MA IL PREZZO DEL PETROLIO CROLLA


OPEC TAGLIA LA PRODUZIONE, MA IL PREZZO DEL PETROLIO CROLLA
18/12/2008, 08:12

L'OPEC, l'associazione dei Paesi produttori di petrolio, finalmente ieri ha deciso, dopo due giorni di discussione, il taglio più grande della sua storia: -2,2 milioni di barili di petrolio al giorno, il 7% della produzione dei Paesi aderenti. In passato, per tagli di produzione molto meno incisivi abbiamo avuto prezzi il salita anche di 5-7 dollari al barile e più; qualche volta di meno. Ma è probabilmente la prima volta che ad un taglio di produzione di questa entità segue un forte calo del prezzo del greggio. Infatti i mercati non si sono sentiti rassicurati da questo taglio della produzione e hanno portato il petrolio a 39,99 dollari al barile, un valore che non si vedeva dal 2004. A partire da settembre l'OPEC ha tagliato la produzione di oltre 4 milioni di barili al giorno, ma questo non è bastato. Ieri, a causare il crollo del prezzo del greggio è bastata la diffusione della notizia che le scorte USA sono aumentate di 500 mila barili, dato che fa presupporre un calo di richieste dal consumatore di petrolio numero 1 al mondo.

A partire dal luglio, quando il petrolio raggiunse i 147 dollari al barile, il calo del prezzo è stato del 70%. E paradossalmente, un prezzo così basso sta creando problemi ai Paesi produttori che si erano ingolositi per gli altissimi margini di guadagno che si stavano creando e avevano cominciato a spendere in investimenti grosse cifre, che sono ragionevoli col petrolio a 150 dollari, ma non col petrolio a 40. E così anche i Paesi produttori al di fuori dell'OPEC stanno tagliando la produzione. Per esempio la Russia prevede per il primo gennaio, quando diventerà effettivo questo taglio di produzione dell'OPEC, un taglio di 350 mila barili di petrolio al giorno, oltre a quello di 320 mila fatto a novembre. Una cosa simile dovrebbe fare anche l'Azerbaigian.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©