Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

La soglia fa scattare l'accertamento

Parte il nuovo redditometro: tolleranza del 20%

In piena operativita' da oggi

Parte il nuovo redditometro: tolleranza del 20%
19/08/2013, 12:08

ROMA - Entra in piena operatività da oggi il nuovo redditometro, che tiene conto di dati più dettagliati per ricostruire il reddito e, in pochi secondi, e’ capace di produrre la prima lista dei potenziali evasori fiscali. Il sistema si applica agli accertamenti relativi ai redditi del 2009, dichiarati l’anno dopo. Il nuovo software sarà in grado di  evidenziare tutti i casi in cui la differenza è superiore al 20%, la soglia che fa scattare l'accertamento, come ha spiegato l’Agenzia delle entrate in una circolare di luglio.
Si partirà dal rilevare i casi di incongruenza più evidenti per poi arrivare ad estendere maggiormente i controlli , tanto che ne sono previsti a pieno regime 35 mila l'anno.
Qualora fosse accertato uno scarto tra il reddito e le spese superiore al 20%, il contribuente in questione verrebbe invitato a presentarsi negli uffici dell'Agenzia e sarebbe invitato a dare le spiegazioni necessarie. Prove convincenti chiuderebbero il caso senza conseguenze, ulteriori sospetti da parte dell’Agenzia farebbero proseguire il contraddittorio.
Il Fisco a questo punto chiederebbe chiarimenti anche delle spese più piccole, calcolate in base agli indici Istat (vitto, le spese per i vestiti, i trasporti ecc.). Se anche in questa fase i dubbi persistessero, si aprirebbe l'accertamento formale. Due strade resterebbero aperte a questo punto: pagare entro quindici giorni per avere le sanzioni ridotte o procedere con un contenzioso, tramite giustizia tributaria.

Commenta Stampa
di Francesca Galasso
Riproduzione riservata ©