Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Si teme che la speculazioni approfitti della crisi politica

Paura per i titoli italiani, lo spread ai massimi storici rispetto ai Bund


Paura per i titoli italiani, lo spread ai massimi storici rispetto ai Bund
30/11/2010, 16:11

ROMA - Dopo il risultato delle aste dei titoli italiani di ieri, che hanno dato uno spread (cioè una differenza) di 210 punti base (cioè del 2,1%) tra i titoli italiani a 10 anni e i Bund tedeschi per lo stesso periodo, aumentano le preoccupazioni che si stia per scatenare un nuovo attacco speculativo. Il timore è avallato dalla progressiva perdita di valore dell'euro, sceso in pochi giorni a 1,30 rispetto al dollaro. E il sospetto è che questa volta l'obiettivo sia l'Italia. Possono approfittare dell'attuale fase di crisi politica che, grazie alla debolezza e all'acquiescenza del Presidente della Repubblica rispetto ai desiderata del Presidente del Consiglio, è stata prolungata fino al 14 dicembre, quando si discuterà la mozione di sfiducia presentata alla Camera dei Deputati all'inizio di novembre dall'Italia dei Valori e dal Pd, sulla scia dello scandalo legato alla vicenda di "Ruby Rubacuori".
Per questo motivo negli ultimi due giorni la Borsa è calata di circa il 5%, con notevoli perdite anche tra le azioni. Ma soprattutto preoccupa il livello dei cds (credit default swap, cioè il costo per assicurarsi contro il rischio di default sui titoli), che per l'Italia sono saliti al livello record di 263 punti.
Un problema che sembra non preoccupare il Presidente del Consiglio SIlvio Berlusconi, che si è limitato a ricordare che la Spagna sta peggio di noi, dato che lo spread è di oltre 400 punti base. Più preoccupato il vice premier, Gianni Letta: "Questa è una giornata impegnativa per le turbolenze sui mercati. Che dai mercati possa arrivare un affondo sull'euro cercando di coinvolgere nel contagio Irlanda paesi più solidi come Spagna e Portogallo e forse anche l'Italia è una preoccupazione forte".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©