Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Introdotti nuovi disincentivi per le pensioni

Pensioni e reddito di cittadinanza: il governo cerca di ritardare le sanzioni Ue


Pensioni e reddito di cittadinanza: il governo cerca di ritardare le sanzioni Ue
27/11/2018, 11:30

ROMA - E' ormai un "toto-soluzioni" per provare a capire come farà il governo a tagliare 3,4 miliardi dalla manovra di bilancio per far scendere il deficit dal 2,4% al 2,2%. Si pensa che verranno introdotti disincentivi all'andata in pensione con la "quota 100" per limitare a meno di 300 mila le persone che ne usufruiranno nel 2019. Si pensa a ritardare l'andata in pensione rispetto al momento di richiesta di tre mesi per il privato e di sei mesi per il pubblico; oltre a introdurre il divieto di cumulo della pensione con altri redditi. Oltre naturalmente al taglio della pensione, che può arrivare al 30% per chi va in pensione a 62 anni. 

Per il reddito di cittadinanza, invece si pensa di spostare l'avvio dei pagamenti ad aprile o addirittura a giugno. Resta tuttavia l'incognita: quanti saranno coloro che ne usufruiranno? Perchè l'idea è quella di tagliare 2 dei 9 miliardi accantonati per questa misura. Ma con 7 miliardi, potranno essere concessi solo 700 mila redditi di cittadinanza. Come scegliere i fortunati? Facciamo una estrazione nazionale alla lotteria? Con i gratta e vinci? 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©