Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Azione contro un'intollerabile discriminazione economica

Petizione contro il caro Rc auto che tartassa il Sud Italia


Petizione contro il caro Rc auto che tartassa il Sud Italia
13/10/2010, 19:10

NAPOLI - Negli ultimi tempi non si fa altro che parlare, senza però entrare efficacemente nel merito, del cosidetto "Federalismo Fiscale". Nei mesi seguenti, una poderosa campagna mediatica e politica è stata lanciata per convincere tutti i cittadini italiani di quello che è stato presentato come un dato inconfutabile: il Settentrione traina con immensa fatica e spirito caritetevole l'infingardo ed evasore Meridione d'Italia che, negli anni trascorsi, si è adagiato su allori circondati da oceani di fondi malspesi.
Ultimamente, anche il solitamente lucido ed autorevole Sole 24 Ore, si è avventurato in un'inchiesta di dubbio valore e di potenziale inclinazione discriminatoria che, partendo dall'analisi del costo superiore di una tazzina di caffè al Nord, pretendeva di dimostrare che nel Mezzogiorno gli italiani godevano di un superiore potere d'acquisto.
In maniera difficilmente spiegabile, però, il quotidiano finanziario non prendeva in considerazione tutti gli elementi che caratterizzano quella che può definirsi una vera e propria "fiscalità di svantaggio" e, parimenti, la mediocrità dei servizi offerti a fronte proporzionale di una di pressione fiscale diretta ed indiretta tra le più alte d'Europa. Totalmente ignorati, ad esempio, i dati riguardanti l'incontrollato e continuo aumento delle accise sulla benzina (che in Campania raggiungono quote da record mondiale) ed il costo spropositatamente alto delle Rc auto.
Il divario tra un premio pagato al Nord ed uno pagato al Sud, naturalmente a parità di classe di merito e di tutte le altre condizioni, è difatti sempre più elevato. Una vera e propria discriminazione di "Stato" che i cittadini italiani che abitano da Roma in giù sono costretti a subire da troppo tempo. Una descriminzione legalizzata che, tra l'altro, viene portata avanti giustificando il tartassamento con i dati che parlerebbero di un elevatissimo "rischio truffa" made in Mezzogiorno.
Per tale motivo, quelli che si firmano come "due cittadini italiani residenti al Sud" (Luciano Colella e Antonio Catalano), hanno deciso di proporre una petizione on-line "Contro la discriminazione economica e sociale in essere nei contratti di assicurazione RC Auto da parte delle assicurazioni ed alla quale sono soggetti i cittadini italiani residenti nel sud Italia rispetto ai residenti al nord". La petizione, sottoscrivibile da chiunque non si senta un fiero leghista, si trova qui.
Per la stessa causa è stato creato anche un gruppo facebook che, al momento, conta già oltre 2400 iscritti.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©