Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Un convegno alla Camera di Commercio di Napoli

PMI: venture capital per fronteggiare la crisi


.

PMI: venture capital per fronteggiare la crisi
08/07/2010, 15:07

NAPOLI - Incentivare le piccole e medie imprese della Campania a ricorrere con più frequenza al venture capital, il capitale di rischio, per uscire dalla crisi. Sono stati questi i temi dell'incontro 'Small businness act e venture capital come sostegno alla crescita della Pmi campane', organizzato da Unioncamere Campania, in collaborazione con il Ministero dello Sviluppo economico. "Con iniziative come queste significa migliorare il rating delle pmi e favorire il dialogo con le banche ¿ ha detto Augusto Strianese, presidente Unioncamere Campania - anche in chiave di internazionalizzazione dell'impresa, seguendo le indicazioni che arrivano dal Ministero dello Sviluppo economico". Incentivare cioé le piccole e medie imprese all'utilizzo del venture capital, favorendo una maggiore patrimonializzazione delle aziende e nuovi investimenti produttivi in settori innovativi. Per favorire l'avvicinamento delle pmi al capitale di rischio, il Ministero dello sviluppo economico ha siglato un accordo di collaborazione con l'Aifi, associazione italiana di provate equità e venture capital, coinvolgendo il sistema delle Camere di Commercio italiane. Da Strianese arriva anche la proposta di seguire "l'iniziativa già avviata in Lombardia dove le Camere di Commercio del territorio hanno creato un fondo aperto anche alle associazioni di categoria proprio per incentivare l'utilizzo del venture capital". Un'iniziativa sulla quale, fa sapere Maurizio Maddaloni, presidente della Camera di Commercio di Napoli, "convergiamo anche noi come ente camerale. Ci attiveremo affinché l'iniziativa possa essere operativa al più presto". E sul sistema per incentivare le pmi al venture capital, Maddaloni sottolinea il ruolo attivo che possono avere gli enti camerali, anche per "creare migliori condizioni di competitività e sostegno a questo tessuto imprenditoriale che altrimenti non potrebbe reggere all'impatto con la globalizzazione". Dai dati del Governo, ha spiegato Maddaloni, risultano ancora poche le pmi che nel Sud fanno ricorso al capitale di rischio e quindi a strumenti finanziari di nuova generazione. "Manca probabilmente una informazione adeguata sui vantaggi che derivano dalla finanza creativa ¿ ha concluso Maddaloni ¿ Accendere i riflettori sulle potenzialità che derivano dall'utilizzo del venture capital diventa una necessità".

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©