Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Poste, Cgil e Cisl contro Fornero: su bonus presenza madri discriminate


Poste, Cgil e Cisl contro Fornero: su bonus presenza madri discriminate
15/06/2012, 22:06

ROMA - Slc-Cgil e Slp-Cisl non mollano: hanno chiesto al ministro del Lavoro, Elsa Fornero, un incontro sul "grave atto discriminatorio in Poste Italiane, per il quale lavoratrici in maternita' e lavoratori oggetto di infortuni non riceveranno il bonus presenza di 140 euro annui". Lavoratrici in maternità e lavoratori infortunati sono, "insieme a coloro che si assentano per donare il sangue o che svolgono attivita' di volontariato, sono da oggi discriminati da un accordo separato che gli sottrae un bonus presenza pari a 140 euro - scrivono a Fornero Emilio Miceli, segretario generale Slc Cgil, e Mario Petitto, segretario generale Slp Cisl - Abbiamo letto sui quotidiani della sua attenzione e disponibilita' nei confronti di una verifica di quanto denunciato da Slc Cgil e Slp Cisl - conclude la lettera - motivo per cui siamo a richiederLe un incontro, per poter meglio rappresentare quanto e' stato oggetto delle nostre dichiarazioni e denunce."

Commenta Stampa
di GB
Riproduzione riservata ©