Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Prezzi Nocciole: Zaia, già attivati in sede comunitaria


Prezzi Nocciole: Zaia, già attivati in sede comunitaria
14/10/2009, 10:10


La Turchia, in qualità di più grande produttore mondiale di nocciole con oltre un milione di tonnellate prodotte (il 78% del mercato mondiale), continua ad influenzare i prezzi della nocciola comunitaria e, ovviamente, anche i prezzi di quella nazionale. Non dimentichiamo, infatti, che l’Italia, con le sue 250.000 tonnellate, è un player comunitario di primo livello. La Turchia incide sul mercato non solo con la quantità, ma anche con sussidi artificiosi al prezzo che si traducono in un vero e proprio dumping al quale occorre reagire.” Così il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Luca Zaia interviene in merito alla crisi che le politiche agricole turche produrrebbero sul nostro settore coricolo nazionale.  “In tal senso – ha proseguito Zaia – gli uffici del mio Ministero hanno già segnalato alla Commissione europea la grave situazione di crisi che deriverebbe dalla sleale concorrenza turca, ed hanno chiesto, sulla base delle mie direttive, di attivare clausole di salvaguardia contro queste importazioni nonché di esercitare nei confronti del governo turco le più forti pressioni per un commercio leale, approfittando del processo di adesione in corso.”
“Le preoccupazioni italiane fanno anche riferimento alla situazione fito-sanitaria della nocciola turca, che fa registrare un contenuto fuori dalla norma di aflatossine. Ho chiesto a tutti gli uffici competenti di attivare al massimo i controlli alle frontiere per impedire l’accesso sul territorio italiano ed europeo di un prodotto pericoloso per la salute umana.”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©