Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Progetto sulla sicurezza per artigianato e piccole imprese

Iniziativa di Ebac e Inail presentata

.

Progetto sulla sicurezza per artigianato e piccole imprese
27/03/2013, 14:18

Un progetto sulla sicurezza per l’artigianato e le piccole imprese. “Sicuramente è l’obiettivo raggiunto dall’Ente Bilaterale Artigiano Campania e dall’Inail-direzione regionale per la Campania, presentato alla Camera di Commercio di Napoli. L’intento degli enti attuatori è quello di far crescere la cultura della sicurezza attraverso strumenti, supporti e informazione per l’artigianato e le piccole imprese. “Il progetto”, spiega il Presidente dell’Ebac, Giuseppe Oliviero, “è solo il primo passo verso altre iniziative che intendiamo portare avanti. Siamo, da sempre, impegnati  a sostenere le innovazioni introdotte dalle nuove norme di prevenzione e offrire a tutto il panorama delle imprese artigiane una visione aggiornata e completa del quadro sulla salute e sicurezza dei lavoratori. Promuovere la cultura della sicurezza è possibile. Più le aziende sono sicure, più diventano competitive. Investire nella sicurezza, significa, per le aziende, investire su se stesse. E’ questo il concetto che dobbiamo inculcare non solo nei datori di lavoro, ma anche nei loro dipendenti”.  “In Campania le Parti Sociali e l’Ente Bilaterale dell’Artigianato Regionale insieme all’INAIL”, aggiungeEmidio Silenzi, Direttore Regionale INAIL Campania, “sono impegnati nei confronti della specificità delle aziende artigiane e dei suoi dipendenti ad attuare le complesse innovazioni introdotte dalle nuove norme di  prevenzione.  È in questo senso che allo scopo di contribuire a ridurre il fenomeno infortunistico, l’INAIL Campania e l’Ente Bilaterale dell’Artigianato, anche a seguito del  protocollo di intesa tra tutti gli Enti Bilaterali e l’Istituto, hanno promosso il progetto “Sicur@mente” finalizzato ad una ulteriore informazione e sensibilizzazione nel  comparto dell’Artigianato in Campania”. 

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©