Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

RC Auto, Coppola (Aci): Bene il confronto avviato oggi in Provincia


RC Auto, Coppola (Aci): Bene il confronto avviato oggi in Provincia
03/02/2011, 16:02

“Un nuovo importante passo verso la definizione di condizioni più eque e trasparenti nel mercato della RCA, all’interno della nostra provincia”. Così ha commentato il direttore dell’Automobile Club Napoli, Antonio Coppola, il tavolo tecnico riunitosi stamani presso la Provincia di Napoli, su istanza dell’Assessore al Bilancio, Armando Cascio, che ha visto la partecipazione, oltre che dell’Aci, anche dell’Ania, dell’Isvap, dell’Agenzia delle Entrate, della Regione e del Cnr-Irat.

“Dopo la lusinghiera iniziativa del Ministro dello Sviluppo Economico, Paolo Romani, di avviare un confronto serio e costruttivo con l’Isvap e l’Ania - continua Coppola -, al fine di ridurre le tariffe assicurative, segue adesso, nel territorio più critico nazionale, sotto questo aspetto, un’analoga attività di collaborazione fra tutti i soggetti interessati. L’obiettivo comune è quello di pervenire ad un contenimento delle tariffe e, contemporaneamente, di garantire all’ente provinciale una corretta attribuzione del gettito che grava sulle polizze RC Auto”.

Per questo motivo, il tavolo tecnico ha convenuto sulla necessità di sostenere il disegno di legge all’esame in Parlamento sulla costituzione di un’Agenzia Antifrode per stanare gli evasori dell’obbligo assicurativo, un fenomeno sempre più diffuso che contribuisce significativamente all’aumento delle tariffe, danneggiando, peraltro, la stessa Provincia in quanto privata di un gettito che, invece, potrebbe essere utilizzato proprio per migliorare le condizioni di sicurezza sulle strade di sua competenza.

“Le polizze contraffatte e l’evasione dell’obbligo della RCA sono fenomeni illegali che vanno condannati e perseguiti senza indugio, precisa il direttore dell’Automobile Club partenopeo. Ma rappresentano anche un preoccupante segnale di malessere all’interno di un mercato anomalo caratterizzato da un ingiustificato salasso tariffario che si perpetra da oltre dieci anni. Il ricorso agli espedienti fraudolenti sono, quindi, figli di una vertiginosa e insostenibile escalation dei costi della polizza obbligatoria che penalizza oltremisura i residenti della nostra provincia”.

Nel corso dei lavori, i partecipanti hanno ritenuto opportuno coinvolgere anche l’Agente della Riscossione (Equitalia), al fine di poter individuare gli opportuni meccanismi per una più corretta ripartizione, alle rispettive Province, del tributo gravante sulla polizza RCA.

“L’Aci – conclude Coppola - ha accolto con spirito costruttivo la lodevole iniziativa dell’Assessore Cascio di istituire un tavolo tecnico qualificato su questo scottante tema che riguarda tutti i cittadini, mettendo a disposizione dei lavori il proprio know-how. Ci auguriamo che lo stesso spirito collaborativo venga messo in atto anche dall’Ania, sollecitando le compagnie ad attuare una politica tariffaria realmente premiante nei confronti degli assicurati virtuosi, piuttosto che abbandonarli a se stessi chiudendo le agenzie e scappando dal Sud”.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©