Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Regione: 29 milioni per rilanciare Casalnuovo


Regione: 29 milioni per rilanciare Casalnuovo
30/07/2009, 16:07

Il presidente della Regione Campania Antonio Bassolino e il presidente della Commissione straordinaria prefettizia Antonio Codispoti  hanno firmato stamattina a palazzo Santa Lucia il protocollo di intesa per l'avvio del programma integrato urbano della città di Casalnuovo.
 
La Regione investe oltre 29 milioni di euro. Il comune di Casalnuovo, a sua volta, cofinanzia il programma con una quota pari ad almeno il 10%.
 
Gli obiettivi prioritari del programma sono la riqualificazione del tessuto urbano, il miglioramento della qualità ambientale, il rafforzamento degli elementi identificativi del territorio, la lotta contro l'abusivismo e per il ripristino della legalità.
 
I principali interventi del programma sono:
 
● la dismissione della linea ferroviaria Cancello – Benevento e la realizzazione di una grande arteria di collegamento al posto del tracciato ferroviario con la collocazione di  uffici pubblici, scuole, centri commerciali ed espositivi;
 
● il recupero e il restauro del Palazzo storico della famiglia Lancillotti da destinare a contenitore di iniziative artistiche e di attività nel sociale;
 
● la realizzazione della "Cittadella Civica", per la rivitalizzazione del centro cittadino;
 
● interventi volti al risanamento ambientale della località Casarea interessata da un gravissimo fenomeno di edilizia abusiva con la realizzazione di un parco agricolo regionale nelle aree derivate dagli abbattimenti degli immobili abusivi.
 
Il protocollo prevede, inoltre, risorse premiali aggiuntive che saranno a disposizione del Comune di Casalnuovo, in caso di raggiungimento di importanti “obiettivi di civiltà”, come: il 35% della raccolta differenziata; la lotta contro l’abusivismo; l’informatizzazione dei servizi pubblici; incremento dei servizi sociali; l’utilizzo di sistemi di trasporto ecologico.
 
Con quello firmato oggi si completa l’iter del programma “Più Europa” dedicato ai venti comuni con una popolazione superiore ai 50mila abitanti.
 
In un anno, sono state concentrate sulle 19 città medie della Campania e su Napoli  risorse pari a 995 milioni di euro, di cui 220 milioni per il grande programma sul Centro storico di Napoli, patrimonio Unesco.
 
Gli altri comuni interessati al programma sono i seguenti: Castellammare, Cava dei Tirreni, Caserta, Benevento, Salerno, Giugliano, Ercolano, Avellino, Acerra, Portici, Scafati, Battipaglia, Afragola, Torre del Greco, Casoria, Aversa, Pozzuoli e Marano.
 
“Questo accordo – ha detto il presidente Bassolino -  è un altro importante risultato della scelta strategica che abbiamo compiuto con la nuova programmazione europea: concentrare importanti risorse nello sviluppo delle città con una popolazione superiore ai 50 mila abitanti.
 
“Lo sforzo prodotto in quest’anno, con lo stanziamento di circa un miliardo di euro, è molto significativo. Vogliamo continuare su questa strada perché siamo convinti che le città medie e grandi della Campania hanno enormi potenzialità e il loro sviluppo rappresenta una importante opportunità per la crescita complessiva della nostra regione”, ha concluso il presidente Bassolino.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©