Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

RICERCA, PROTOCOLLO D’INTESA CENTRI COMPETENZA CAMPANIA E CAMERA COMMERCIO MOSCA


RICERCA, PROTOCOLLO D’INTESA CENTRI COMPETENZA CAMPANIA E CAMERA COMMERCIO MOSCA
04/10/2008, 13:10

E’ stato firmato a Mosca un accordo di programma tra la Camera di Commercio e dell’Industria sovietica e i 10 Centri di Competenza regionali della Campania per svolgere attività di trasferimento tecnologico e di ricerca in Russia.

 
Il protocollo si inserisce  nell'ambito delle attività di  internazionalizzazione della ricerca campana e delle collaborazione istituzionali russo-campane avviate sin dal 2005.
 
Dal 30 settembre al 4 ottobre, i Centri di Competenza campani hanno partecipato alla PTA 2008 di Mosca (Progressive technologies in Automation), la fiera mondiale dell’automazione, presentando i loro prodotti ed il sistema di ricerca campano.
 
Per ogni Centro di Competenza sono stati individuati dei partner. I rappresentanti dei centri hanno incontrato esponenti del mondo accademico, imprenditoriale e finanziario russo con cui hanno condiviso alcuni interessanti programmi di collaborazione futura sui temi della Biotecnologie Industriali (in particolare sulle Tecnologie Fermentative), sulla tutela e valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali, sulle Tecnologie Produttive Agroalimentari, sull'ICT (in particolare sui sistemi informatici per applicazioni industriali), sulla Diagnostica e Farmaceutica Molecolare.
 
Oltre che con la Camera di Commercio, nei giorni scorsi sono state firmate intese con l’Associazione PMI russe e l’Agenzia federale di ricerca e sviluppo che riunisce tutte le Università.
 
“Abbiamo raggiunto - ha dichiarato l’assessore alla Ricerca eInnovazione della Regione CampaniaNicola Mazzocca - il primo importante risultato dell’azione di internazionalizzazione della ricerca campana. L’obiettivo era quello di portare i prodotti dei Centri di ricerca campani sul mercato. Ora dobbiamo valutare e monitorare l’azione per coglierne i frutti sul medio lungo periodo, al fine di valutarne l’efficacia e la replicabilità.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©