Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

RISTRUTTURAZIONI PER RECUPERO PATRIMONIO EDILIZIO


RISTRUTTURAZIONI PER RECUPERO PATRIMONIO EDILIZIO
10/03/2014, 12:50

Chi effettua interventi per il recupero del patrimonio edilizio può beneficiare di una detrazione Irpef.

Per le spese sostenute nel periodo che va dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013, la detrazione Irpef è del 50%.

Altrimentiè pari al 36%.

La detrazione si applica sull’Irpef lorda.

Le spese su cui calcolare la detrazione non possono superare il tetto di 96 mila euro per unità immobiliarese si tratta di pagamentieffettuati dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013.

Il tetto si riduce alla metà, ossia a 48 mila euro per unità immobiliare, se si tratta di spese sostenute in un periodo diverso.

Le spese su cui si applica il beneficio fiscale possono riguardare interventi di manutenzione straordinaria o anche ordinaria, se si tratta di parti comuni condominiali. Rientrano nell’ambito dell’agevolazione anche gli interventi di restauro e risanamento conservativoe di ristrutturazione edilizia.

Sono agevolati anche altri interventi descritti dall’art. 16-bis del Testo unico delle imposte sui redditi. Tra gli altri, la ricostruzione o il ripristino di immobili danneggiati da eventi calamitosi, la realizzazione di autorimesse o posti auto pertinenziali, l’eliminazione di barriere architettoniche, la cablatura di edifico, il contenimento dell’inquinamento acustico ( A cura del Centro Studi Lepre Group).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©