Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Ritenute reddito lavoro dipendente


Ritenute reddito lavoro dipendente
03/12/2013, 16:20

La Lepre Group spiega come operare le ritenute d'acconto.
I datori di lavoro che corrispondono redditi di lavoro dipendente devono operare, all'atto del pagamento, una ritenuta a titolo di acconto dell'imposta sul reddito delle persone fisiche dovuta dai dipendenti.
Sono obbligati a operare la ritenuta anche i datori di lavoro che corrispondono redditi assimilati a quelli da lavoro dipendente.
Si tratta ad esempio dei compensipercepiti da soci di cooperative di produzione e lavoro, delleremunerazioni dei sacerdoti, o degliassegni periodici corrisposti al coniuge.
Le ritenute devono, poi, essere versate con cadenza periodica entro il 16 del mese successivo a quello del pagamento dei redditi di lavoro dipendente e assimilati, mediante il modello F24, esclusivamente in via telematica per i datori di lavoro titolari di partita Iva.
Rientrano nell’applicazione della ritenuta sia le somme e i valori che il datore di lavoro corrisponde direttamente, sia le somme e i valori che, in relazione al rapporto di lavoro, sono erogati da terzi.
La ritenuta è applicata sulla parte imponibile delle somme e dei valori corrisposti al lavoratore dipendenteal netto delle detrazioni per carichi di famiglia e per lavoro.
Si applica anche su altre voci, come le mensilità aggiuntive, la parte imponibile del trattamento di fine rapporto, o la parte imponibile delle somme e dei valori, non compresi nel Tfr, corrisposti agli eredi del lavoratore dipendente. (Fonte: Lepre Group)

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©