Economia e finanza / Mercati

Commenta Stampa

La riscossa dei BRICS subisce un altro colpo

S6P declassa il debito brasiliano: ora è spazzatura


S6P declassa il debito brasiliano: ora è spazzatura
10/09/2015, 17:10

BRASILIA (BRASILE) - Standard & Poor's declassa ancora il debito pubblico del Brasile, portandolo da BBB- a BB+. A questo punto, il debito pubblico è definito "di livello speculativo", cioè non affidabile. Più comunemente, vengono definiti "junk bonds", cioè titoli spazzatura. inoltre, l'outlook è negativo, cioè se non cambiano le cose è probabile un nuovo declassamento nei prossimi 6 mesi. 

Il declassamento è dovuto a diversi fattori. Innanzitutto le scarse performance economiche: nel 2015 il deficit aumenterà dello 0,5%, mentre ad inizio anno si prevedeva una riduzione del 2%, al netto degli interessi. A questo si aggiungono gli scandali che stanno scoppiando, come quello che riguarda la Petrobras (ai tempi in cui l'attuale presidente Djlma Roussef ne era il presidente) che ha dato mazzette a diversi funzionari del Partito dei Lavoratori, l'attuale partito al governo. Tutto questo ha provocato una riduzione di valore del real, la moneta brasiliana, del 30% rispetto al dollaro. E anche questo ha creato problemi economici al Paese, che a sua volta ha causato il declassamento di S&P's. 

La notizia ha colpito anche molte società straniere che fanno i loro affari in Brasile. La Fca (Fiat-Chrysler), Saipem, Pirelli, Telecom sono solo alcune delle aziende italiane che sono state danneggiate dalla decisione dell'agenzia di rating


Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©