Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Tre le finalità strategiche previste

Saccomanni, taglio della spesa 2%rispetto al 2013

Contenimento, privatizzazioni e rientro capitali dall'estero

Saccomanni, taglio della spesa 2%rispetto al 2013
18/11/2013, 18:58

ROMA- Poche ore fa è terminata, a Palazzo Chigi, la prima riunione operativa del Comitato interministeriale per la revisione della spesa pubblica. Alla conclusione di quest'ultima il ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni ha dichiarato: "L'obiettivo ambizioso condiviso dal comitato e' di una riduzione della spesa di circa il 2% rispetto al 2013 sull'arco del triennio 2014-2016, in aggiunta a quanto previsto dalla Legge di stabilità"."I risparmi- ha aggiunto- saranno destinati in maggior parte alla riduzione delle imposte, come previsto, ma anche a finanziare gli investimenti produttivi e alla riduzione del debito".

Sono queste le "tre finalità strategiche" proposte dal ministro dell'Economia che sottolinea: "La prima e' la piu' importante ma le altre non sono da trascurare"."Il programma - ha specificato Saccomanni - prevede la copertura per la presidenza Consiglio ministri e tutti i ministeri, una revisione totale, se no rientrerebbe nella logica dei tagli selettivi". Il ministro dell'Economia ha ribadito che "l'azione principale di contenimento del debito pubblico verra' da privatizzazioni e dal rientro dei capitali dall' estero, e spero anche che ci sara' un contributo dalla revisione della spesa pubblica che porta a un insieme di azioni che sostengono la crescita e rimettono in moto l'efficienza del sistema Italia".

Commenta Stampa
di Flavia Stefanelli
Riproduzione riservata ©