Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Il valore complessivo dell'appalto è 6 miliardi di dollari

Salini e Ansaldo si aggiudicano parte della metro di Riyadh

Le aziende italiane si occuperanno della parte tecnologica

Salini e Ansaldo si aggiudicano parte della metro di Riyadh
29/07/2013, 19:52

ROMA - Mega commessa per costruire una tratta della metro di Riyadh, in Arabia Saudita, per due aziende italiane, Ansaldo e Salini.

Il gruppo Salini Impregilo, informa un comunicato, eseguirà come leader di un consorzio internazionale di cui fanno parte Ansaldo Sts, la canadese Bombardier, l’indiana Larsen & Toubro e la saudita Nesma, il maxi contratto promosso dalla Riyadh Development Authority per la progettazione e costruzione della nuova Linea 3 (40,7km) della metro di Riyad, la linea più lunga del gigantesco progetto della nuova rete di trasporto pubblico sotterraneo della capitale dell’Arabia Saudita.

Il lotto assegnato al consorzio è una parte importante del più ampio progetto di costruzione contemporanea della nuova rete di metropolitane di Riyadh (composta da 6 linee di lunghezza complessiva di circa 180 km) da 23,5 miliardi di dollari (quasi 18 miliardi di euro). Il valore complessivo del lotto che sará eseguito dalle aziende tricolore è di circa 6 miliardi di dollari.


Al consorzio italiano è stata affidata fra l'altro la realizzazione di due grandi stazioni landmark “Qasr Al Hokom” e “ Western Station”, in fase di progettazione definitiva.

Ansaldo realizzerà la parte tecnologica sulla linea assegnata. Il valore del contratto per l'azienda del gruppo Finemccanica è di circa 680 milioni di dollari (oltre 500milioni di euro). 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©