Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

In corso riunione straordinaria azionisti dell'istituto

Scandalo Mps, ecco le accuse reciproche dei politici

Grillo: "Qui peggio di Tangentopoli"

Scandalo Mps, ecco le accuse reciproche dei politici
25/01/2013, 10:19

ROMA – Lo scandalo derivati che ha colpito la banca Monte dei Paschi continua a far discutere e diventa anche il centro nella politica, che usa la vicenda per lanciarsi accuse reciproche.

E’ Beppe Grillo che ci va giù pesante, arrivando nella sede dell'Assemblea di Mps: “Quello che hanno fatto alla banca Monte dei Paschi è peggio della Tangentopoli di Craxi e di Parmalat insieme. Hanno fatto di un partito una banca e di una banca un partito.

Vuole invece mettersi da parte nel gioco delle accuse reciproche l’ex premier, Mario Monti: “Lascio ai politici il compito di puntarsi il dito l'uno contro l'altro – dice - il Pd c'entra in questa vicenda perché ha sempre avuto molta influenza sulla banca e sulla vita politica di Siena. Non voglio attaccare Bersani, ma il fenomeno storico della commistione fra banca e politica che va ulteriormente sradicato perché è una brutta bestia”.

E alle accuse che gli sono state mosse rispetto ai soldi ricavati dall’Imu per salvare la banca, Monti risponde così: “I 4 miliardi di Imu vanno allo stato e ci restano. Nel caso di Monte dei Paschi di Siena non si tratta di 3,9 miliardi, ma di soldi che verranno rimborsati e con alto tasso di interesse. E non sono 3,9 miliardi, ma due miliardi perché per il resto sono rimborsi dei precedenti Tremonti-bonds”.

 Sulla vicenda della banca Monte dei Paschi è intervenuto anche  il Governatore di Bankitalia Ignazio Visco: “Su Mps sbaglia chi adombra mancanza di supervisione da parte della Banca d'Italia, che non ha nulla da nascondere.

Intanto è in corso una riunione straordinaria degli azionisti dell'istituto senese, che dovrà prendere decisioni sullo scandalo derivati

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©
SONDAGGIO.

Per chi voterete alle prossime elezioni?

Quale sarà il vostro voto il 24 e il 25 febbraio?