Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Aci- Censis: pesa fisco su benzina e assicurazioni

Sempre meno auto in giro, il 20% degli italiani ne riduce l'uso

La crisi economica frena l'auto in Italia

Sempre meno auto in giro, il 20% degli italiani ne riduce l'uso
14/12/2011, 11:12

E' tempo di crisi anche per le automobili: un patentato su cinque (il 20,6%) ha ridotto l'uso del proprio veicolo, e soprattutto tra gli over 45 cresce l'abitudine ad andare a piedi o in bici. Secondo le rilevazioni di Aci e Censis nel 19\\\\mo rapporto, l'auto rimane sempre, per comodita' o per necessita', il mezzo preferito degli italiani, ma per la prima volta dal 2007 scende sotto quota 90%, calando all'83,9%. Cala anche il numero dei giorni d'uso: 4,6 giorni a settimana, rispetto ai 5,1 del 2010. E se i giovani ripiegano su autobus o scooter (in entrambi i casi vi ricorrono il 35,7% tra i 18 e i 29 anni), tra chi ha piu' di 45 anni cresce la percentuale quelli che scelgono la bicicletta (18,3%) o le camminate a piedi (42,4%, nel 2010 erano il 35,5%). Questo perche' l'auto costa sempre di piu': 3.278 euro in media nel 2011, contro i 3.191 euro del 2010, con un incremento del 2,7%. ''I costi per gli automobilisti - spiega il presidente dell'Aci, Enrico Gelpi - sono ormai al limite della sopportabilita': 165 miliardi di euro, di cui 58 miliardi come prelievo fiscale'', ''quest'anno si contano cinque aumenti delle accise, piu' quelli che scatteranno a gennaio'': in questo modo ''si fa strada l'irritazione, perche' il ridotto ricorso all'auto non comporta risparmio''. Dal 2009, ultimo anno degli incentivi, c'e' stato un calo di immatricolazioni di auto del 17%. E anche il mercato delle due ruote si è ridotto del 26%. Se si aggiunge che le rottamazioni sono contenute, l'unione di questo fattori rende piu' vecchio il parco circolante. I mezzi hanno in media 9,3 anni, e un'auto su cinque ha piu' di 16 anni.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©