Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Ricerca della Ipsos per Cna

Sempre più anziani alla guida delle piccole imprese


Sempre più anziani alla guida delle piccole imprese
18/08/2013, 18:01

ROMA  - Secondo una ricerca Ipsos condotta per la  Cna,  gli imprenditori  italiani  alla guida delle piccole imprese,  sono sempre più anziani. Quasi uno su quattro (24,1%) nell'artigianato ha più di 55 anni,  e in 500.000 affronteranno la successione nei prossimi 10 anni. Il 47% non sa a chi lasciare l'azienda, ma solo l'8% pensa di vendere per i costi proibitivi delle cessioni, legati soprattutto all'eccesso di burocrazia.  Eppure ci sono due milioni di potenziali imprenditori tra i 18 e i 35 anni che potrebbero subentrare alla guida. Secondo il sondaggio Ipsos, infatti, il 15% dei giovani vorrebbe fare impresa e il 93% di questi sarebbe interessato a rilevare un'attività già avviata ma è frenato dalla difficoltà ad ottenere il credito sufficiente (per il 75%), dal carico fiscale (per il 54%) e dall'eccesso di burocrazia (per il 43%). Secondo Cna il problema della trasmissione delle imprese alle nuove generazioni contribuisce alla mortalità delle imprese artigiane, che sono il 23,6% del sistema produttivo italiano. Nel 2012 sono state 120 mila ad abbassare le saracinesche (l'8,4%), al netto delle nuove aperture il numero di attività si è contratto dell'1,4%. L'associazione propone una staffetta generazionale tra imprenditori senior e junior, una cessione programmata e accompagnata da agevolazioni fiscali e contributive.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©