Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Nel mese sacro i rendimenti delle azioni schizzano

Sorpresa, durante il Ramadam i titoli arabi volano


Sorpresa, durante il Ramadam i titoli arabi volano
06/08/2010, 17:08

Preghiere sì, ma anche business. L’aria di festa e l’ottimismo che si respirano indurrebbero ad investire di più. Un po’ come durante il Natale per i cristiani, anche nei Paesi arabi l'aria festiva induce ad essere più propensi agli affari ed alle spese. Nel mese di Ramadan, infatti, i rendimenti dei mercati azionari delle nazioni musulmane schizza alle stelle. È quanto afferma uno studio realizzato della Newhampshire University e relativo al periodo 1989-2007. In base alla ricerca, se durante l'anno i mercati azionari di Oman, Turchia, Kuwait, Emirati arabi, Qatar, Pakistan, Giordania, Egitto, Marocco, Tunisia, Malesia, Bahrain, Indonesia e Arabia Saudita realizzano un rendimento mensile pari al 4,3 per cento, nel mese di Ramadan i rendimenti schizzano al 38 per cento. “Una vera sorpresa”, afferma Ahmed Itibari, docente di Finanza dell'ateneo statunitense e coordinatore dello studio. “Mi sarei atteso esattamente l'opposto”, ha detto Itibari giustificando questi risultati “per via dell'ottimismo” che contagia gli animi durante il mese sacro. “Chiunque intenda guadagnare rapidamente - conclude il prof. Itibari - dovrebbe approfittare del mese di Ramadan”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©