Economia e finanza / Mercati

Commenta Stampa

Monti: “Più risorse a fondi salva - Stati”

Spread oltre i 520 punti, tonfo delle Borse europee

Anche i Bonos spagnoli verso il 7,5%, record assoluto

Spread oltre i 520 punti, tonfo delle Borse europee
23/07/2012, 19:36

MILANO - Per chi pensava che la nuova settimana sarebbe iniziata meglio di come era finita, a livello di Borse, ha avuto una delusione. Tutte le principali Borse europee infatti hanno aperto in negativo, intorno al -1%; tranne Milano, che cede circa due punti percentuali.

Cattive notizie anche dallo spread, che questa mattina ha iniziato a 511 punti per poi salire molto rapidamente a 521 punti. Una distanza causata sia dal miglioramento dei tassi dei Bund tedeschi a 10 anni, che ora rendono l'1,2%, sia dal peggioramento dei Btp italiani con la stessa scadenza, che ora rendono il 6,4%. E non va meglio ai Bonos spagnoli, che questa mattina hanno uno spread rispetto ai titoli tedeschi di 614 punti, che porta i tassi di interesse sui titoli spagnoli al 7,4%, un record storico.

Cattive notizie anche per l'euro, che si indebolisce sempre di più. Questa mattina infatti la nostra moneta viene scambiata con lo yen sotto quota 95, il valore più basso da quando esiste l'euro. Se consideriamo che il Giappone è in recessione quasi continua da 20 anni, questo la dice lunga sulla debolezza sui mercati internazionali dell'euro.


MONTI: “PIU’ RISORSE A FONDI SALVA – STATI”

“È ovvio che c’è grande nervosismo sui mercati, ma per motivi che hanno poco a che vedere con problemi specifici dell’Italia ma piuttosto con notizie, dichiarazioni o indiscrezioni sull’applicazione delle decisioni del Consiglio Ue”, che riguardano lo scudo antispread. Lo ha detto il premier Mario Monti, al termine dell’incontro con il Presidente della federazione russa Vladimir Putin. Il Presidente del Consiglio Mario Monti crede che sarebbe “utile” dare maggiori risorse ai fondi salva-Stati Esfs-Esm, ma ritiene che non sia facile nel breve periodo raggiungere questo risultato. “Ovviamente sì- ha così risposto a chi gli chiedeva se fosse necessario dare risorse ai fondi salva-stati - ma non credo che sia facile nel breve periodo ottenere maggiori risorse per questi fondi”.

Per frenare la corsa dello spread, sarebbe utile affidare maggiori risorse ai due fondi Salva-stati, ma anche dare all’Esm la licenza bancaria, che consentirebbe al fondo stesso di prendere in prestito denaro a tassi agevolati dalla Bce. È quanto emerso al termine dell’incontro tra il premier Mario Monti e il presidente della federazione russa Vladimir Putin. A proposito delle turbolenze sui mercati, il Presidente del Consiglio ha spiegato che la licenza bancaria “sarebbe un ulteriore elemento di agilità e facilitazione, ma sappiamo - ha osservato - che ci sono resistenze”.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©