Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Siamo a 2 gradini sopra il livello di "titoli spazzatura"

Standard & Poor's declassa l'Italia: "Colpa di Iva e Imu"


Standard & Poor's declassa l'Italia: 'Colpa di Iva e Imu'
10/07/2013, 09:07

ROMA - E' arrivata la doccia fredda dell'agenzia di rating Standard & Poor's, che ha retrocesso l'Italia dal livello BBB al livello BBB+. In più l'outlook (cioè le previsioni per il futuiro) sono negative; cioè non si può escludere nei prossimi mesi un nuovo declassamento. Siamo solo due livelli sopra i cosiddetti "titoli spazzatura", cioè quelli che non è conveniente acquistare (e che quindi vengono piazzati sul mercato ad un tasso molto più alto degli altri)
Nel report che spiega la decisione, si specifica che essa ha due cause. Da una parte, il peggioramento dei conti pubblici: a fine anno ci si aspetta un calo del Pil dell'1,9%, contro l'1,4% previsto dal governo italiano; inoltre il debito pubblico dovrebbe raggiunfgere il record del 129% del Pil. Dall'altra parte l'atteggiamento del governo, che non riesce a risolvere la questione relativa ad Iva ed Imu nè sembra poterlo risolvere in tempi brevi, dati i litigi all'interno del governo stesso. 
 Il Tesoro replica che la decisione dell'agenzia di rating è basata su una situazione superata e che perciò è sbagliata. Basterà questo per tenere basso lo spread sui nostri titoli? 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©