Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

l'imposta potrebbe arrivare a 2 euro per apparecchio

Tassa su telefonini e pc, proposta shock della Siae


Tassa su telefonini e pc, proposta shock della Siae
11/12/2009, 20:12

ROMA - «La Siae vorrebbe estendere la tassa che grava attualmente sull'acquisto di apparati per la duplicazione di contenuti come masterizzatori e videoregistratori anche a supporti come pc e telefonini». A dirlo è stato l'amministratore delegato di Fastweb e presidente di Asstel, Stefano Parisi, a margine delle Giornate di studio marconiane, organizzate dalla fondazione Ugo Bordoni.
La Siae sta studiando l'estensione della tassa già in vigore sull'acquisto di masterizzatori e videoregistratori anche a pc e telefonini.
Nel corso del suo intervento Parisi ha parlato dell'incontro avuto questa mattina presso il ministero dei Beni culturali e ha riferito che : La Siae ha parlato di una tassa che potrebbe arrivare a 2 euro a cellulare. La discussione è in corso. «L'Asstel - ha sottolineato - è assolutamente contraria perché pensiamo siano già sufficienti i 60 milioni già incassati dalla Siae con videoregistratori e masterizzatori. Questo - ha concluso - è un modo di tassare l'industria dell'Ict e riteniamo che l'industria dei contenuti deve trovare da sola il modo per farseli pagare».
Quanto alle modalità, ha aggiunto Parisi, si tratterebbe di un decreto dei Beni culturali di concerto con quello dello Sviluppo economico.

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©