Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

TOYOTA INVESTE 80 MLN PER LA RICERCA IN EUROPA


TOYOTA INVESTE 80 MLN PER LA RICERCA IN EUROPA
08/09/2008, 09:09

 

Toyota Motor Europe (TME) investirà ulteriori 80 milioni di Euro nel suo Centro Tecnico Europeo di Zaventem, in Belgio. E’ il primo step di un piano di espansione in due fasi che inizialmente creerà 250 nuovi posti di lavoro. A partire dal 2009, il Centro Tecnico Toyota costruirà un circuito di prova destinato ai programmi di sviluppo, introdurrà nuove attrezzature per i test e rinnoverà le proprie strutture per creare uno spazio aggiuntivo di 12.000 mq nella zona delle officine e dei laboratori. Questa decisione rafforza l’impegno a lungo termine di Toyota di localizzare il più possibile lo sviluppo dei veicoli e studiare soluzioni ad hoc per la sua base di clientela europea. L’investimento totale di Toyota nelle proprie attività di Ricerca e Sviluppo in Europa è attualmente superiore a 200 milioni di Euro complessivi.
Nel presentare l’investimento, Mr. Kazuhiko Miyadera, Senior Vice President Ricerca e Sviluppo di TME, ha voluto sottolineare l’importante prova di fiducia nella crescita a lungo termine dell’attività di Ricerca e Sviluppo in Europa grazie soprattutto all’estrema competenza e validità del team del Centro Tecnico. “L’ aumentata capacità di Ricerca e Sviluppo farà sì che le nuove tecnologie saranno sempre più vicine alle condizioni di guida, agli standard ed ai gusti europei”, ha aggiunto. 
 
Questo ampliamento determinerà maggiori responsabilità nello sviluppo dei nuovi modelli Toyota per il centro di Zaventem. Ciò contribuirà a rafforzare i legami con i fornitori europei e ad assicurare una maggiore integrazione delle tecnologie europee nei nuovi modelli già nella fase iniziale del processo di sviluppo.   
 
Il nuovo tracciato di prova a tre corsie avrà una lunghezza di 1,3 km e comprenderà diversi fondi stradali e varie pendenze per riprodurre le tipiche condizioni di guida sulle strade europee. Ciò permetterà di testare i prototipi e verificare caratteristiche di guida come vibrazioni, rumore del vento e idoneità del motore, in un ambiente sicuro ma in condizioni reali. Toyota effettuerà una serie di controlli specifici per verificare che il livello di rumorosità quotidiano dell’area circostante non venga alterato dalle attività del circuito. 
 
In linea con l’impegno di Toyota di ridurre l’impatto ambientale di ogni aspetto della propria attività, l’ampliamento del Centro sarà gestito secondo criteri di progettazione e costruzione strettamente ecologici. Fino all’80% dei materiali di demolizione sarà riciclato e riutilizzato nel sito, riducendo nettamente la congestione del traffico esterno all’impianto. TME sta inoltre studiando l’impiego di energia geotermica e pannelli fotovoltaici per limitare la dipendenza del Centro dai combustibili fossili e migliorarne l’efficienza energetica.
 
Questo ampliamento del Centro Tecnico Toyota, aumenta la già forte presenza di Toyota in Belgio, dove ha pure sede il Centro Direzionale di Toyota Europa. Gli altri impianti e uffici Toyota ad Evere, Zaventem, Diest e Zeebrugge rappresentano attualmente un investimento complessivo di 594 milioni di Euro e danno lavoro a oltre 3.000 persone, cosa che fa di Toyota il maggiore protagonista dell’automobile in Belgio.
 
  
 
 
Creato nel 1987, il Centro Tecnico Toyota è la base per le attività di ricerca, sviluppo, acquisti ed engineering di TME. Il centro sovrintende la progettazione del telaio e della carrozzeria e si occupa di selezione e verifica di materiali e componenti, valutazione del motore, messa a punto delle caratteristiche di guida di tutti i modelli Toyota in Europa. Attualmente, il Centro impiega circa 800 persone. 
Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©